Max Gazzè canta nel Sotto Casa Tour _ Musicastelle Outdoor

Max Gazzè canta nel Sotto Casa Tour

Domani il cantautore romano si esibirà a La Salle
“Suonare a contatto con la natura sarà una bellissima esperienza”

Il 5 luglio Max Gazzè ha festeggiato i 46 anni con un grande concerto a Roma, all’Ippodromo delle Capannelle. L’unico sotto casa per il cantautore romano, che, dopo la partecipazione all’ultimo Festival di Sanremo e la pubblicazione del cd «Sotto casa», la sua città la sta vedendo ben poco. Dopo l’European Live Club Tour, che lo ha portato in tutta Europa (da Berlino a Londra), il 1° giugno è  iniziato il «Sotto casa Tour» con cui sta girando in lungo e largo l’Italia.

 

Domani, alle 18, toccherà Plan Belle Crête di La Salle, dove, nell’ambito della rassegna Musicastelle Outdoor, si esibirà con Cristiano Micalizzi (batteria), Giorgio Baldi (chitarre), Clemente Ferrari (fisarmonica) e Dedo (fiati). E’, sicuramente, un periodo d’oro per Gazzè, anzi di platino, visto che il cd ha ottenuto il disco di Platino per oltre 30.000 download  digitali. E, anche, un’ulteriore dimostrazione di quello che la «musica può fare», visto che lo ha aiutato a uscire dal tunnel della depressione seguita alla fine del rapporto con la moglie. «È stato un momento traumatico, che mi ha creato non pochi problemi in una vita già di per sé complicata. – ha confessato – Ho vissuto questa separazione come un lutto dopo 20 anni di convivenza, 15 di matrimonio e tre figli».

 

Un «lutto» che, inevitabilmente, compare in molti testi del cd, ideati con il fratello Francesco: da «E Tu Vai Via» a «Con chi sarai adesso». In questo frangente lo hanno aiutato anche l’ironia ed eleganza che caratterizzano una carriera quasi trentennale, iniziata in Belgio (dove ha vissuto da giovane) e che in Italia lo visto arrivare al successo nel 1998 con la canzone «Vento d’estate» e il cd «La favola di Adamo ed Eva».

Sono seguiti altri sei cd e cinque partecipazioni al Festival di Sanremo. «Sono già venuto svariate volte in diversi posti della Valle. – racconta- Suonare a contatto con la natura sarà una bellissima esperienza, anche perché la musica è un tentativo dell’uomo di imitare i suoni della natura. Altra cosa bella della musica è che si adatta al contesto in cui nasce, in particolare per uno come me che quando suona è abituato a interagire intensamente con l’esterno, e questo renderà sicuramente unica l’esibizione in un posto bellissimo come La Salle».  Il concerto è gratuito, e, come per tutti gli altri concerti di Musicastelle outdoor, in caso di maltempo verrà tenuto il giorno stesso, alle ore 21,30 (ingresso gratuito), al Teatro Splendor di Aosta. La decisione di un eventuale spostamento sarà presa la mattina stessa dell’evento e comunicata sul sito www.lovevda.it e www.musicastelle.it.

 

di Gaetano LoPresti per La Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *