Un uomo diverso

 

Non ho fatto che un’ora di sonno
sono schiavo del cavo oramai,
resterò ancora un po’ così
a credere che tornerai
l’immaginazione aiuta ma non fa miracoli.
Fino a ieri eri qui nel mio letto,
poi cos’è che ti avrò detto mai…
Nessuna scusa, né alibi,
se c’è l’intesa tra di noi
la versione più evoluta dei cliché romantici.
Se sei convinta che sia un mio difetto
chiedi a un bambino e ti conferma tutto
lui non si sbaglia mai.
Non cerco più di scusarmi,
tu puoi capirmi se adesso
rimango solo me stesso,
un uomo diverso
e allora
prova a sentirti leggera e poi,
amore caro, ti giuro
vedrai che il mondo è più bello
se sai tenerlo in chiaro.

E rigiro il cuscino che scotta,
l’alba è tutta nel cielo oramai,
mi salta su il sospetto che a letto tu non tornerai,
ma c’ho in pausa la playstation e un rovescio di Gasquet.
Se sei proprio certa che sia un mio difetto,
chiedi a tuo figlio e ti rimangi tutto:
lui non si sbaglia mai.

Non cerco più di scusarmi,
tu puoi capirmi se adesso
rimango solo me stesso,
un uomo diverso e allora
prova a sentirti leggera e poi,
amore caro, ti giuro vedrai
che il mondo è più bello se sai tenerlo in chiaro.

Dici che vegeto e non penso mai al domani,
che a tal proposito i miei intenti son profani,
anzi strani.
Io preferisco il vero amare solo istante per istante,
perchè ormai vivere al futuro sa di niente.

Non cerco più di scusarmi,
tu puoi capirmi se adesso
rimango solo me stesso,
un uomo diverso e allora.

Non cerco più di scusarmi,
tu puoi capirmi se adesso
rimango solo me stesso,
un uomo diverso e allora
prova a sentirti leggera e poi,
amore caro, ti giuro
vedrai che il mondo è più bello se sai tenerlo in chiaro.

One thought on “Un uomo diverso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *