Nulla

 

Nulla cade dal cielo, ad eccezione delle stelle
quando avvolte nel velo della notte come perle
scivolano dal niente, dentro ai sogni della gente

Nulla sfavilla al confronto dei lunghi albori sul mare
quando lampi amaranto fabbricano martingale
di luce sospesa, pendente
a sorreggere l’orizzonte

Nulla assedia la mente
penetra invade conquista
come il pensiero costante di averti vista

Nulla precipita agli occhi più di abissi o spaccature
se visti da certe alture di nuvole pennacchi
il resistere tenacemente di ogni essere vivente

Nulla crepita e schiocca
tra parole in assemblea
come fa un’idea
che di quelle non trabocca
ma persevera
finché giunto sia l’istante

Nulla assedia la mente
penetra invade conquista
come il pensiero costante di averti vista

Nulla interrompe e spariglia
le cose ed il loro andamento
come la grandine e il vento
quando ogni chicco è una biglia
e di quell’altro soltanto furente
l’urlo impazzito si sente

Nulla assedia la mente
penetra invade conquista
come il pensiero costante di averti vista

One thought on “Nulla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *