La spiaggia di Pizzomunno si sveglia con la neve

Paesaggio molto suggestivo ‘catturato’ da foto e filmati
Redazione ANSA BARI 01 marzo 201815:25

Pizzomunno-Vieste si sveglia con la neve

“E allora dal mare, salirono insieme, alle spiagge di Vieste, malvagie sirene … Qualcuno le ha viste portare nel fondo, Cristalda in catene. E quando le urla raggiunsero il cielo, lui impazzì davvero, provando a salvarla, perché più non c’era…”. Così canta Max Gazzè ricordando la leggenda di Cristalda e Pizzomunno, la storia d’amore impossibile del giovane pescatore di Vieste e della sua dolce compagna approdata sul palco di Sanremo. E oggi Vieste e la sua spiaggia si sono svegliate coperte di neve, creando un paesaggio molto suggestivo immortalato soprattutto dai turisti con filmati e scatti. La spiaggia di Pizzomunno detta anche del Castello o Scialara è una spiaggia in sabbia fine situata a sud di Vieste, subito alle porte del centro città. E’ lunga circa 3 km ed è lambita dalla bianca falesia. Prende il nome dal famoso monolite “Pizzomunno” che la leggenda vuole ragazzo trasformato in pietra dalle sirene gelose del suo amore per la sua amata.

Italian singer Max Gazze’ performs on stage during the 68th Sanremo Italian Song Festival at the Ariston theatre in Sanremo, Italy, 06 February 2018. The 68th edition of the television song contest runs from 06 to 10 February. ANSA/CLAUDIO ONORATI

 

Anticipato dal lyric video, esce il 1 marzo il videoclip ufficiale de “La leggenda di Cristalda e Pizzomunno”, il nuovo brano di Max Gazzè portato sul palco dell’ultimo Festival di Sanremo.
Il video è un piccolo gioiello di animazione che riprende le illustrazioni oniriche di tutto il progetto “Alchemaya”, l’opera pubblicata in versione doppio CD e triplo LP per Universal Music.
Nel racconto animato ci si immerge in un universo marino bizzarro e delizioso, tra code di sirene e tritoni, in cui si mischiano surrealismo e pop art; il tutto ideato e realizzato a mano da Francesca Pasquinucci e Davide Giannoni di Imaginarium Creative Studio, stessi autori della grafica di Alchemaya e del videogioco omonimo.
I disegni richiamano il mondo iconico di Yellow Submarine e il lavoro visionario che Terry Gilliam ha portato avanti negli anni con i Monty Python per la creazione di sketch e sigle, ma convivono felicemente anche un certo gusto scenografico di Federico Fellini, il simbolismo di Salvador Dalì e i collage surrealisti degli anni ’30 di Max Ernst.
Tra colori, linee ondulate, psichedelia e musica sinfonica, l’incedere di una barchetta di carta traghetta lo spettatore per tutto il brano attraverso le ‘maree’ delle diverse tavole pittoriche, fino al ricongiungimento di Cristalda e Pizzomunno.

La leggenda (storia)

La leggenda di Pizzomunno e Cristalda

Si racconta che al tempo in cui l’attuale città era solo un villaggio composto da sparute capanne ed abitato da pescatori vi vivesse un giovane alto e forte di nome Pizzomunno. Sempre nello stesso villaggio abitava anche una fanciulla di rara bellezza, con i lunghi capelli color del sole di nome Cristalda. I due giovani si innamorarono, amandosi perdutamente senza che niente potesse separarli. Pizzomunno ogni giorno affrontava il mare con la sua barca e puntualmente le sirene emergevano dai flutti marini per intonare in onore del pescatore dolci canti. Le creature marine non si limitavano a cantare, ma prigioniere dello sguardo di Pizzomunno gli offrirono diverse volte l’immortalità se lui avesse accettato di diventare il loro re e amante.
L’amore che il giovane riversava su Cristalda, però, rendeva vane le offerte delle sirene.Una delle tante sere in cui i due amanti andavano ad attendere la notte sull’isolotto che si erge di fronte alla costa, le sirene, colte da un raptus di gelosia, aggredirono Cristalda e la trascinarono nelle profondità del mare. Pizzomunno rincorse invano la voce dell’amata. I pescatori il giorno seguente ritrovarono il giovane pietrificato dal dolore nel bianco scoglio che porta ancora oggi il suo nome.  Ancora oggi ogni cento anni la bella Cristalda torna dagli abissi per raggiungere il suo giovane amante e rivivere per una notte sola il loro antico amore.

Varianti della leggenda vogliono che il nome della giovane sia Vesta o Vieste (legando così anche il nome della città a questa leggenda), o ancora vogliono che la bella fanciulla fosse figlia di una divinità marina che si opponeva all’amore con il giovane viestano e che per questo loro sentimento fu punita. Altre variazioni sul tema vogliono che la ragazza fosse la moglie di Pizzomunno e che fu assalita mentre attendeva sulla spiaggia il ritorno del compagno pescatore.
Esistono comunque diverse varianti di questa leggenda in zona. Inoltre secondo una superstizione relativa al Pizzomunno, se si compie un giro completo intorno ad esso, formulando un desiderio, esso si avvererà.
Nel 2018 la leggenda del bianco monolite viene portata a Sanremo da Max Gazzè nella canzone “La leggenda di Cristalda e Pizzomunno”

Sanremo2018 – Rassegna Stampa

https://www.avvenire.it/agora/pagine/max-gazz

Il cantautore Max Gazzè: verso Sanremo cantando anche l’anima

Max Gazzè: verso Sanremo cantando anche l'anima

Parli un’ora con Max Gazzè e finisci come Cristalda, negli abissi, trascinato dalle sirene gelose del suo amato Pizzomunno. Ma questo è un dolce naufragare, nell’esoterismo del cantautore più “favoloso”, il migliore – quanto a “contafole” e spirito narrativo – che abbiamo incontrato nell’intronata routine del cantar leggero (per dirla alla Lucio Battisti). Il cinquantenne cantastorie, mai triste, è pronto con disincanto al suo quinto Festival di Sanremo, il quarto da big dopo il debutto nella categoria giovani con Cara Valentina (1997). Da allora Gazzè è una certezza nel nostro panorama musicale e lo conferma con la sua ultima produzione sinfonica. «Pardon, sintonica – corregge – Ai 60 elementi della Bohemian Simphony Orchestra di Praga ho aggiunto sintetizzatori», spiega da maestro anche di fonica. Con perizia ingegneristica discetta di «onde sinusoidali, quadre e a dente di sega, che creano un’amplificazione armonica degli strumenti. Per intenderci: un suono dieci volte superiore rispetto alla reale sezione dei violini dell’orchestra di Praga».

Una sperimentazione riuscita che si ritrova in Alchemaya, opera sintonica dunque, che con la buona stagione si ascolterà nei vari templi operistici nazionali, da Caracalla, allo Sferisterio di Macerata fino all’Arena di Verona. Insomma, qui siamo bel oltre il cantar leggero…

«Ho semplicemente avuto la giusta percezione con quella cosa sublime che è la musica ed è uscito questo concept album diviso in due atti. Nel primo si trovano leggende come La leggenda di Cristalda e Pizzomunno (scritta, come gli altri inediti con mio fratello Francesco). Parto da una narrazione storica, mitologica, come l’origine del mondo, per arrivare a una dimensione alchemica, un viaggio interiore alla Jules Verne, alla scoperta dell’anima, del senso ultimo delle cose e dell’esistenza».

Ogni “pensiero debole” sparisce tra i flutti di quello fortissimo dell’ultimo Gazzè.

«La mia non è una posa ma una ricerca spirituale che porto avanti da sempre. Ho avuto la fortuna di crescere confrontandomi sulla storia delle religioni con mio padre, appassionato di teologia, teneva convegni di sindonologia. Da ragazzino per certi versi precoce, ero affascinato dai testi sacri, dai misteri esseni, dai manoscritti di Qumran…».

Un “ginnasio” degno di Battiato, per poi prendere la strada del cantautorato, battendo però i sentieri dell’ironia tagliente, “onirica”, alla Rino Gaetano, mettendoci in più tutta la sua originalità fiabesca.

«Ma prima di quella che definisco la mia svolta “pulcinellosa” (storie ironiche, evitando di puntare il dito contro qualcuno o qualcosa), a vent’anni quando ancora vivevo a Bruxelles suonavo tutta un’altra musica con la mia band, i 4 Play 4. Ero l’unico musicista italiano del gruppo, repertorio: soul del nord e sconfinamento nell’acid jazz. Andavamo forte a Londra, suonavamo in tutta Europa. Avevamo bello e pronto un album, ma la casa discografica che ce lo propose ebbe un crac finanziario e subito dopo la band si sciolse. È uno dei pochi rimpianti che ho, quell’album sono sicuro che avrebbe fatto rumore».

E invece cosa accadde poi?

«Che tornai alle miei radici italiane, peraltro mai abbandonate e sventolate con orgoglio, a Bruxelles e a Londra, ascoltando sempre la musica dei nostri cantautori. A Roma ho ricominciato da zero: bassista nei locali, turnista per due anni con Wess. Componevo world music e il mio sogno era incidere con la Bmg. Il discografico Riccardo Clary sente un mio promo e mi chiama a casa. Alla segreteria telefonica – la cambiavo tutti i giorni – lascia detto: “Caro Gazzè, vorrei capire meglio questa sua musica”. Da lì a sei mesi Clary passò alla Virgin e con l’album Contro un’onda del maresono stato il primo artista messo sotto contratto da quella storica etichetta».

Poi l’incontro con i suoi “fratelli” artistici, Daniele Silvestri e Niccolò Fabi.

«Con Daniele ho in pratica “cooprodotto” il suo album Il dado, con Niccolò salimmo agli onori delle classifiche con Vento d’estate. Ritrovarsi ancora tutti e tre in tour e registrare un disco come Il padrone della festa (2014), beh sono momenti di complicità unici e irripetibili. Con Silvestri è accaduto anche lo scorso Natale quando ci siamo esibiti in trio con Carmen Consoli. Fantastico, come memorabile per me rimane la serata dei duetti a Sanremo (2008) quando con Paola Turci e Marina Rei abbiamo cantato Il solito sesso ».

Canzone difficilotta quella per il pubblico sanremese, al quale ora propone l’altrettanto sofisticata La leggenda di Cristalda e Pizzomunno.

«Era necessario voltare pagina, specie dopo gli ultimi “zumpa-zumpa” de La vita com’è e Ti sembra normale… Ora c’èAlchemaya che è la piena fusione di spirito, corpo e anima».

Eppure nel suo necessario e fisiologico volare alto, lo sa che con Caparezza lei è il cantautore più amato dai bambini?

«Ne sono orgoglioso, anche da papà di cinque figli. Credo che l’empatia con i più piccoli nasca dal ritmo della filastrocca che ritrovano in certe mie canzoni. L’alchimia che si crea viene dal suono che i bambini traducono in parola familiare. Nel mio linguaggio simbolico ritrovano qualcosa di facilmente riconoscibile. Solo così me lo spiego quando mi capita di ascoltare un bambino di cinque anni che canta a memoria Sotto casa ».

Piccoli uomini crescono con la profonda leggerezza dei suoi brani e al tempo stesso con l’imbarazzante superficialità di questa nostra era social…

«Ma io sono fiducioso della coesistenza di mondi diversi e credo nell’umanità che tiene conto del progresso ma possiede ancora la capacità di tornare indietro e di ricercare il senso più profondo della vita. Quindi più il mondo diventerà superficiale e maggiore sarà la ricerca da parte dell’uomo di andare a ritroso per avvicinarsi al divino. Più l’uomo si allontanerà dalla terra e più questa farà in modo che si riavvicini».

Lei si era già avvicinato, in anticipo rispetto ai fatti recenti, alla tematica delle violenze e della molestie sessuali compiute sulle donne, con il brano Atto di forza.

«Giusto scovare gli scheletri nell’armadio dello showbusiness ma non dimentichiamoci che le violenze di cui sono vittime tante donne spesso iniziano tra le mure domestiche. Credo che sia una delle azioni più abominevoli di cui un uomo si possa macchiare e io l’ho denunciata con quella canzone che ottenne il Premio Amnesty Intenational 2014. Grazie ad Amnesty, alla scuola e alle associazioni, oggi il problema viene trattato con maggiore attenzione. E io ne sono felice, anche perché la mia sensibilità musicale è molto “femminile”, come dimostrano tante collaborazioni avute con le nostre cantanti».

Nella serata dei duetti sanremesi si esibirà con una donna del jazz, Rita Marcotulli, e Roberto Gatto. E se questo fosse il Festival di Gazzè…

«Non creiamoci troppe aspettative – sorride sornione –. Aver convinto tutti, dal direttore artistico Claudio Baglioni alla stampa, con La leggenda di Cristalda e Pizzomunno per me è già una vittoria. Se poi, dopo averla cantata sul palco dell’Ariston dall’orchestra di Sanremo riceverò lo stesso consenso ottenuto in prova (applauso a scena aperta e bacchette battenti sui leggii dei violinisti, ndr), be’ allora personalmente lo vivrò come un trionfo».

© Riproduzione riservata

#fsglive Fabi, Silvestri Gazzé: trionfo a Rock in Roma, le recensioni

fsglive_cecchetti

( foto di Simone Cecchetti https://www.facebook.com/simone.cecchettibis )

Panorama.it

“Quello che vogliamo trasmettere con questo progetto è la potenza del collettivo sul singolo, l’importanza di mettersi insieme”, ha spiegato Niccolò Fabi il giorno della presentazione dell’album Il padrone della festa, realizzato a sei mani con gli amici-colleghi di sempre Daniele Silvestri e Max Gazzè, con i quali ha diviso tante volte il piccolo palco de Il Locale di Roma.

E’ innegabile che il loro progetto discografico prima, e poi il tour insieme siano stati due delle più belle sorprese musicali dell’ultimo anno.

Ieri sera una spettacolare luna piena ha accompagnato a Rock in Roma l’ultimo concerto congiunto dei tre artisti, almeno per un po’ di tempo. D’altra parte era stato messo in chiaro fin dall’inizio chela loro sarebbe stata una collaborazione limitata nel tempo, prima di tornare ciascuno alla sua carriera solista, arricchita da un bagaglio d’esperienze di inestimabile valore umano e artistico.

Non c’era, però, nessuna nostalgia tra i 20.000 spettatori che sono accorsi ieri sera a Rock in Roma, ospitato all’Ippodromo delle Capannelle, per abbracciare l’ultima volta i propri beniamini. Colpiva immediatamente l’eterogeneità del pubblico, composto da ragazzi dai venti ai cinquant’anni, in alcuni casi anche con prole a seguito, tra fan della prima ora e nuovi “adepti” conquistati da Il padrone della festa.

In effetti, più che un concerto, è stata una vera e propria festa, che ha preso il via alle 22 per concludersi quasi tre ore dopo con un interminabile e meritato applauso.

Un battito cardiaco, accompagnato dalle immagini in bianco e nero dei momenti più belli del tour,  scandisce l’ingresso dei tre cantautori romani, che aprono le danze con i ritmi in levare di Alzo le mani.

“Come saprete in molti questa è l’ultima data -sottolineano i tre- dovevamo finire il tour ancora prima, ma non potevamo non chiuderlo nella città dove tutto è iniziato”.

I ritmi salgono con Life is sweet, che dal vivo ha un tiro ancora maggiore che nell’album, salutata da un cartello di una fan con la scritta “Con voi Life is sweet”.

Atmosfere più morbide caratterizzano Sirio di Max Gazzè, brano forse ispirato al successo di Alan Parsons. “Sono contento di aver suonato questa canzone- spiega Fabi- è una delle prime che Max suonava al Locale. Ci sembrava perfetta per mostrarvi la bellezza della libertà che ci siamo concessi“.

Una buona idea, cantata a due voci insieme a Gazzè, acquista via via ritmo e bassi, con il refrain che viene cantato in coro dal pubblico di Capannelle.

“Già ai tempi del locale avevo cercato di mostrare che si poteva scrivere una canzone su qualsiasi minchiata”, afferma Silvestri per introdurre il suo godibile Il flamenco della doccia, accompagnato dai battiti di mani da improvvisati ballerini spagnoli e dai cori in francese maccheronico dei suoi divertiti compagni di viaggio.

Verso la fine del brano fa il suo ingresso, battendo le mani a mo’ di ballerini di flamenco, la superband che li ha accompagnati in questi mesi di tour, “i nostri migliori amici che sono anche i nostri migliori musicisti”, come afferma Gazzè: Roberto Angelini alla chitarra elettrica e slide, Max Dedo  ai fiati, Gianluca Misiti alle tastiere, Piero Monterisi alla batteria, Josè Ramon Caraballo Armas alle percussioni e tromba e Adriano Viterbini alle chitarre.

Regala grandi emozioni L’amore non esiste, basata su un gioco di rimando tra gli opposti, con Silvestri e Gazzè che premono volutamente l’acceleratore sul cinismo, mentre a Fabi è affidato il ruolo del cantante romantico, esemplificato dalla frase “l’amore non esiste, esistiamo io e te”. Bella la coda  strumentale, con un imponente finale in crescendo alla Beatles e il coro “pa pa pa” che sembra pensato apposta per le grandi platee.

“Già partono le prime stecche”, si scusa sornione Gazzè. “Sono scelte alternative alla nota giusta -replica divertito Fabi- poi tu hai sempre fatto come cazzo ti pareva”. Un assist per la successiva Come mi pare, il cui testo offre diversi spunti di riflessione: “Chi vuole scrivere impari a leggere, chi vuole suonare prima deve imparare ad ascoltare, chi vuole ridere impari a piangere, chi vuole capire prima deve riuscire a domandare”.

“Come va?-chiede Gazzè- Fa caldo? Oggi non sapevo come vestirmi, mi sono portato dietro l’armatura saracena,  ma poi non me la sono messa”.

E’ il momento, per ciascuno, di interpretare una canzone del suo ricco repertorio: Ma che discorsi di Silvestri, E’ non è di Fabi e Il solito sesso di Gazzè, quest’ultima accolta da un vero e proprio boato.

Lo show è rodato nei minimi particolari e non ha mai una caduta di tensione, con i tre artisti che si divertono a spalleggiarsi e a fare da coristi l’uno all’altro, mentre la band macina virtuosismi chitarristici, solida ritmica e fiati ricchi di pathos.

Vento d’estate, ormai un classico della bella stagione, non mostra i suoi quasi vent’anni, ma risulta ancora fresco come una brezza marina.

Silvestri è coinvolgente e autorevole nell’ invettiva politica de Il mio nemico, mentre atmosfere decisamente più spensierate caratterizzano L’avversario, uno dei momenti più divertenti e coreografici del concerto,  dove Max Gazzè e Niccolò Fabi fanno il loro ingresso con la vestaglia da pugili impreziosite dalle scritte Max e Nicc, per affrontarsi a colpi di canzoni del loro repertorio, arbitrati da Daniele Silvestri, che a sua volta accenna Le cose che abbiamo in comune.

Fabi canta Mentre dormi di Gazzè e incanta in Costruire, uno dei suoi brani più emozionanti, al termine del quale viene abbracciato con trasporto da Silvestri. E’ il momento della sua latineggianteAutostrada, scandita dal suo personale fraseggio quasi rappato, che si trasforma nel finale in Corazon espinado di Santana, interpretata dal percussionista cubano Ramon.

Spazio al medley composto da tre dei brani più amati delle loro carriere soliste, Capelli, Occhi da orientale e Il timido ubriaco.

Convincono pienamente  anche Cara Valentina e Il negozio d’antiquariato, quest’ultima cantata in coro dai 20.000 spettatori, che si prestano volentieri a supportare Silvestri nella celebrazione della romanità un po’ sboccata di Testardo.

Il finale del concerto è travolgente con le hit La favola di Adamo ed Eva, Lasciarsi un giorno a Roma e Salirò, tutte e tre accomunate da un beat pulsante che trasforma l’Ippodromo delle Capannelle in una gigantesca discoteca all’aperto.

Dopo due ore tiratissime, è tempo di una breve pausa, prima del generoso bis, con altri cinque brani, quasi un concerto nel concerto:Sornione, Una musica può fare, Gino e l’alfetta, Sotto casa e Cohiba, dove alcuni spettatori srotolano una bandiera cubana e fanno il pugno chiuso.

Dopo due ore e mezza di ottima musica si può essere più che soddisfatti, ma le luci ancora spente e il filmato di un pianeta rosso che si avvicina in modo minaccioso fanno intuire che la festa avrà ancora una gustosa appendice.

La chiusura è affidata, e non poteva essere diversamente, alla title track Il padrone della festa, un brano perfetto da suonare in acustico, con gli smartphone a simulare l’effetto accendino, il cui climax è la frase sibillina “perché il sasso su cui poggia il nostro culo è il padrone della festa”.

La canzone scandisce l’uscita, uno ad uno, dei cantautori e dei musicisti, sommersi dalle ovazioni del pubblico entusiasta.

E’ ormai mezzanotte e tre quarti, ma il gruppo al completo ritorna alla ribalta per l’ultimo grande, abbraccio collettivo, sulle note registrate di Alzo le mani cantata da buona parte del pubblico, che non mostra alcuna intenzione di guadagnare l’uscita, quasi a voler prolungare la magia della serata.

Cala il sipario, con numerosi occhi lucidi sia sopra che sotto al palco, sul fortunatissimo tour de Il padrone della festa, che ha regalato emozioni e divertimento a decine di migliaia di spettatori in tutta Italia, oltre che in alcuni club europei.

Ci auguriamo, vista l’oggettiva riuscita dell’operazione, che Fabi Silvestri e Gazzè, un po’ come fanno ormai da 46 anni Crosby Stills & Nash a cui sono stati più volte accostati, tornino ogni tanto a incrociare le loro chitarre e le loro voci. Speriamo che la festa continui.

 

urbanpost.it

Postepay Rock in Roma: Gazzè, Fabi e Silvestri, l’arrivederci del trio delle meraviglie

20 mila fan ieri al concerto Postepay Rock in Roma del trio Gazzè, Fabi e Silvestri. Cori, sorrisi e striscioni ad accogliere “i padroni della festa”, che da una grande amicizia hanno saputo cogliere melodie e una ricca esperienza musicale.

Non è un addio, è un arrivederci“, rassicura il trio composto da Max Gazzè,Niccolò Fabi e Daniele Silvestri. Parole che rincuorano i fan e tutti gli amanti del trio delle meraviglie che ieri ha dato, ancora una volta, il meglio di sè alle Capannelle di Roma. Avevano deciso di concludere il loro tour all’Arena di Verona ma come resistere al richiamo di Roma, la città eterna dalla quale tutto è iniziato? 20 mila fan ieri ad attenderli sotto il palco romano, che ospita il Postepay Rock in Roma.

Cori, sorrisi e striscioni ad accogliere “i padroni della festa“, che da una grande amicizia hanno saputo cogliere melodie e una ricca esperienza musicale. La loro unione è stata una delle sorprese più belle dell’ultimo anno, nonostante fosse chiaro fin dall’inizio che il tutto avrebbe presto avuto una fine. Peccato, perché il trio fa impazzire davvero tutti, giovani e ultra quarantenni. Si inizia con Life is Sweet, che dà lo “slancio per partire” al massimo durante la calda serata romana. E conL’amore non esiste si assiste a un cambio di atmosfera, più dolce e profonda grazie all’interpretazione di Daniele Silvestri.

Cara Valentina e Il negozio d’antiquariato sprigionano le voci della folla, che canta a squarciagola le melodie di Gazzè. Le hit sono senz’altro le più coinvolgenti:Lasciarsi un giorno a Roma, che riprende la tematica della serata e Salirò, un tuffo nel passato sanremese di Silvestri. A completare la serata e a chiuderla con la dovuta standing ovation è Il padrone della festa, che lascia l’amaro in bocca ai presenti, forse perché vorrebbero che tutto ciò non fosse un addio.

 

rainews.it

Fabi-Silvestri-Gazzè, l’ultimo show a Roma ma “non è un addio”

31 LUGLIO 2015 Non hanno resistito al richiamo di Roma, della loro Roma, dove tutto è iniziato. I tre menestrelli Niccolò Fabi, Daniele Silvestri e Max Gazzè sono tornati sul palco del Rock in Roma, insieme, per quella che è stata l’ultima tappa del loro speciale tour “Il Padrone della Festa”, nato come coronamento di una ventennale amicizia e scritto a sei mani dopo un viaggio umanitario in Sud Sudan. Un commiato che in realtà è stata una grande festa durata oltre due ore e mezza che si è conclusa con un interminabile e meritato applauso… Il servizio di Roberta Rizzo – See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/media/fabi-gazze-silvestri-ultimo-show-a-Roma-ma-non-addio-a95e71a7-caec-471b-a3e7-045a3d82d1bf.html

 

it.blastingnews.com

Fabi Silvestri Gazzé: emozioni ed applausi a Rock in Roma 2015

Oltre 20.000 spettatori, tre ore di musica ed un lunghissimo applauso per l’ultima data del tour “Il padrone della festa”

Ieri sera,  all’Ippodromo delle Capannelle di Roma, si è tenuto il gran finale del tour che ha visto protagonisti Niccolò Fabi,Daniele Silvestri e Max Gazzè, una delle più belle sorprese musicali degli ultimi anni. Una serata piena di emozioni e tre ore di musica e parole che hanno allietato un pubblico eterogeneo, che ha deciso di festeggiare insieme ai tre cantautori romani l’ultima data di un percorso artistico decisamente sorprendente. Non è solo una conoscenza di lunga data a legare i tre cantanti: Niccolò, Max e Daniele, infatti, sono un ‘unicum’ perfetto in grado di donare emozioni e raccontare storie di vita come solo i veri artisti sono in grado di fare.

Come dichiarato dagli stessi cantautori, la data dell’Ippodromo delle Capannelle non era prevista. L’ultimo concerto, infatti, sarebbe dovuto essere quello del 22 maggio all’Arena di Verona. Il grande successo di pubblico ed una sintonia a dir poco ‘magica’, però, hanno spinto il trio a fare il bis. Data l’eccezionalità dell’evento, i tre cantautori hanno deciso di consentire anche a tutti coloro che hanno preso parte alla serata del 22 maggio all’Arena di Verona di assistere al concerto a Rock in Roma gratuitamente.

Quella di ieri sera è stata un’ultima data all’insegna della celebrazione. Una festa in piena regola, dunque. Come di consueto, Niccolò, Daniele e Max hanno deciso di aprire il concerto con ‘Alzo le mani’ ma, questa volta, hanno voluto omaggiare il loro pubblico proiettando vari fotogrammi dei momenti più significativi della loro avventura ‘a tre’. Lo spettacolo era, senza alcun dubbio, rodato, ma le emozioni sono state moltissime, quasi come se quella di ieri fosse stata la prima e non l’ultima data del tour. Poco prima dell’una di notte, i tre cantautori si sono congedati dal loro pubblico con la bellissima canzone ‘Il padrone della festa’, e sono stati virtualmente abbracciati da un lunghissimo e caloroso applauso. Ma vediamo come è nato ‘Il padrone della festa’ e, sopratutto, quando Niccolò, Daniele e Max hanno deciso di collaborare.

“Il padrone della festa”: la storia

Si conoscevano da sempre Niccolò Fabi, Daniele Silvestri e Max Gazzè ma, nonostante avessero più volte manifestato il desiderio reciproco di lavorare a un progetto comune, ognuno dei tre ha intrapreso il proprio percorso artistico. Il destino, però, ha giocato le sue carte, e la scintilla che ha dato il via al progetto ‘Il padrone della festa’ è stata la missione umanitaria in Sud Sudan, nella quale Niccolò ha coinvolto anche Daniele e Max. Quella del Sud Sudan è stata un’esperienza emozionante, che ha consentito ai tre di realizzare che era arrivato il momento di pensare ad un progetto al quale lavorare insieme.

Dall’esperienza del Sud Sudan è nato il pezzo ‘Life is sweet’ che, in poche settimane, ha riscosso moltissimi consensi. Sull’onda del successo, Niccolò, Max e Daniele sono poi partiti alla volta di un tour europeo, a seguito del quale è nato l’interessante docu-film ‘LocalEuropa – musica valida per l’espatrio’, in cui i tre artisti, oltre a raccontare il loro tour, hanno descritto in maniera egregia la realtà di tutti gli italiani che hanno deciso di lasciare la propria patria. Il tour, poi, è continuato in Italia, riscuotendo numerose dimostrazioni di stima ed affetto da parte del pubblico.

Progetti per il futuro

Nella speranza che quello di questa sera a Rock in Roma sia solo un arrivederci e che vi siano ancora numerose occasioni di vedere Niccolò, Daniele e Max esibirsi insieme, pare che i tre artisti abbiano espresso la volontà di tornare ognuno sulla propria strada. Di sicuro, la perfetta intesa tra l’eleganza d’animo di Niccolò Fabi, la razionalità di Daniele Silvestri e l’eccentricità di Max Gazzè, che ha consentito la nascita di un progetto tanto ambizioso quanto completo come ‘Il padrone della festa’, rimarrà uno dei progetti musicali più riusciti dell’attuale panorama musicale italiano.

 

correttainformazione.it

Fabi Silvestri Gazzè, arte e amicizia trionfano nella grande festa del Rock in Roma

Tre amici…un sogno. Così, intorno alle 22 di ieri 30 Luglio 2015, il maxischermo introduce i 3 artisti romani sul palco del Rock in Roma. Migliaia le persone accorse da tutta Italia per assistere all’ultima grande festa del riuscitissimo progetto Fabi Silvestri Gazzè.

L’atmosfera è delle migliori, un giro di boa di una calda estate romana. Nelle ore precedenti l’intera zona di Capannelle è stata letteralmente paralizzata dal fiume di gente che si avvicinava verso l’ippodromo. Si percepisce tutta la carica che accompagnerà lo spettacolo per circa 2 ore e mezza di musica. Fabi Silvestri Gazzè trasudano un contagioso entusiasmo ripercorrendo i loro più grandi successi senza tralasciare i brani frutto della loro collaborazione nell’album Il padrone della festa. Niente da invidiare ai tanti  nomi internazionali che si sono alternati nelle scorse settimane sul palco del Rock in Roma. “Io non mi sento italiano ma per fortuna o purtroppo lo sono” cantava Giorgio Gaber. Ebbene, Fabi Silvestri Gazzè rientrano a mani basse tra le cose per cui ci si sente fortunati di appartenere a questo paese. Tendiamo spesso a guardare con nostalgia al glorioso passato artistico nostrano, ma in questo caso il concerto di ieri sera è la netta dimostrazione che la grande arte è ancora qui, proprio in mezzo a noi e chi era presente non dimenticherà facilmente ciò che ha visto ed ascoltato. Tre chitarre, tre voci, tre amici. Silvestri ogni tanto lasciava la propria sei corde per muovere le sue mani sulla tastiera, così come faceva Fabi spostandosi per suonare le spazzole sulla batteria. Pubblico in estasi quando nell’aria riecheggiavano le note di grandi successi evergreen, da La favola di Adamo ed Eva a Costruire, passando per Cohiba. Fabi torna agli esordi con Capelli per poi giocare in casa riproponendo Lasciarsi un giorno a Roma. Delirio quando Silvestri interagisce col pubblico cantando Testardo e richiamando a gran forza il contributo dei romani presenti (chi conosce il brano comprende bene il motivo).

Gazzè, prima di far letteralmente scatenare il pubblico con il suo più recente successo Sotto casa, rappresenta appieno il giullare della serata. Non perde mai occasione di intrattenere i presenti con esilaranti gag per cui non sempre i suoi colleghi sono riusciti a trattenere le risate.

Fabi Silvestri Gazzè, il trionfo di un’amicizia che dura da più di 20 anni

Fabi Silvestri Gazzè trasmettono tutta la bellezza del rapporto che li lega da anni. Un’amicizia che è culminata in questo sodalizio artistico. Sembrano quel classico gruppo di ragazzi che ai tempi del liceo progettano la rivoluzione mentre strimpellano la propria chitarra intorno ad un falò in spiaggia. Poi si cresce, si creano famiglie e si affrontano anche momenti molto difficili. Ma l’amicizia, quella vera, è lì che ti supporta sempre ed è pienamente palpabile il sentimento quando ti trovi davanti a te la grande complicità che accompagna il trio Fabi Silvestri Gazzè. Il concerto di ieri sera rappresentava la ciliegina sulla torta di un progetto, un lungo viaggio musicale ed artistico che ha portato i tre artisti in giro per l’Italia arrivando anche a Verona per la grande serata dello scorso mese di Maggio. È davvero un peccato separarli, ma in fondo certe perle si apprezzano proprio quando mantengono la propria rarità. E quello che è avvenuto ieri sera è decisamente qualcosa di raro che riempie cuore, occhi e spirito.

Da sottolineare infine la bravura, nonché la simpatia dei musicisti che hanno accompagnato Fabi Silvestri Gazzè: Roberto Angelini alle chitarre elettriche e slide, Gianluca Misti alle tastiere, il polistrumentista Massimo De Domenico, Piero Monterisi alla batteria, il chitarrista Adriano Viterbini e l’acclamatissimo Josè Ramon Caraballo Arman alle percussioni e alla tromba.

Noi vi lasciamo con qualche immagine della serata, augurandoci/vi di poter assistere di nuovo ad un evento targato Fabi Silvestri Gazzè.

 

 

MAX GAZZÈ, 48 ANNI E UN NUOVO DISCO DI INEDITI

Fonte: http://www.radioitalia.it/

Dopo il fortunato album “Il padrone della festa”, realizzato nel 2014 con gli amici Niccolò Fabi eDaniele Silvestri, Max Gazzè è tornato in studio a scrivere il suo prossimo album di inediti.

Il cantautore romano, che per ora non ha dato anticipazioni sul nuovo disco, da venerdì 10 luglio attraverserà l’Italia con il suo “Coast to Coast Tour” partendo dal Parco della Certosa di Collegno (Torino). La tournée, il cui nome richiama il titolo del film “Basilicata Coast to Coast” nel quale il cantante ha recitato nel 2010, inizierà il 10 luglio a Collegno (Torino) e proseguirà con le tappe del 13 a Ghilarza (Oristano), dell’1 agosto a Marcianise (Caserta), del 5 a Treviso, dell’11 a Civitanova Marche (Macerata), del 12 a Marina di Pisa, del 16 a Zafferana Etnea (Catania) e del 17 a Furnari (Messina). Sono state recentemente inserite nel calendario le tappe del 10 agosto a Campomarino (Campobasso) e del 6 settembre a Conca della Campania (Caserta). Durante i concerti, Max sarà accompagnato dalla sua storica band composta da Giorgio Baldi alle chitarre, Clemente Ferrari alle tastiere, Cristiano Micalizzi alla batteria e Max ‘Dedo’ De Domenico agli strumenti a fiato.

Inoltre Gazzé, che ieri ha ricevuto gli auguri di amici, fan e colleghi per i suoi 48 anni, si esibirà a Roma il 30 luglio per il live-evento che concluderà la tournée con Niccolò Fabi e Daniele Silvestri.

Max Gazzè canta nel Sotto Casa Tour _ Musicastelle Outdoor

Max Gazzè canta nel Sotto Casa Tour

Domani il cantautore romano si esibirà a La Salle
“Suonare a contatto con la natura sarà una bellissima esperienza”

Il 5 luglio Max Gazzè ha festeggiato i 46 anni con un grande concerto a Roma, all’Ippodromo delle Capannelle. L’unico sotto casa per il cantautore romano, che, dopo la partecipazione all’ultimo Festival di Sanremo e la pubblicazione del cd «Sotto casa», la sua città la sta vedendo ben poco. Dopo l’European Live Club Tour, che lo ha portato in tutta Europa (da Berlino a Londra), il 1° giugno è  iniziato il «Sotto casa Tour» con cui sta girando in lungo e largo l’Italia.

 

Domani, alle 18, toccherà Plan Belle Crête di La Salle, dove, nell’ambito della rassegna Musicastelle Outdoor, si esibirà con Cristiano Micalizzi (batteria), Giorgio Baldi (chitarre), Clemente Ferrari (fisarmonica) e Dedo (fiati). E’, sicuramente, un periodo d’oro per Gazzè, anzi di platino, visto che il cd ha ottenuto il disco di Platino per oltre 30.000 download  digitali. E, anche, un’ulteriore dimostrazione di quello che la «musica può fare», visto che lo ha aiutato a uscire dal tunnel della depressione seguita alla fine del rapporto con la moglie. «È stato un momento traumatico, che mi ha creato non pochi problemi in una vita già di per sé complicata. – ha confessato – Ho vissuto questa separazione come un lutto dopo 20 anni di convivenza, 15 di matrimonio e tre figli».

 

Un «lutto» che, inevitabilmente, compare in molti testi del cd, ideati con il fratello Francesco: da «E Tu Vai Via» a «Con chi sarai adesso». In questo frangente lo hanno aiutato anche l’ironia ed eleganza che caratterizzano una carriera quasi trentennale, iniziata in Belgio (dove ha vissuto da giovane) e che in Italia lo visto arrivare al successo nel 1998 con la canzone «Vento d’estate» e il cd «La favola di Adamo ed Eva».

Sono seguiti altri sei cd e cinque partecipazioni al Festival di Sanremo. «Sono già venuto svariate volte in diversi posti della Valle. – racconta- Suonare a contatto con la natura sarà una bellissima esperienza, anche perché la musica è un tentativo dell’uomo di imitare i suoni della natura. Altra cosa bella della musica è che si adatta al contesto in cui nasce, in particolare per uno come me che quando suona è abituato a interagire intensamente con l’esterno, e questo renderà sicuramente unica l’esibizione in un posto bellissimo come La Salle».  Il concerto è gratuito, e, come per tutti gli altri concerti di Musicastelle outdoor, in caso di maltempo verrà tenuto il giorno stesso, alle ore 21,30 (ingresso gratuito), al Teatro Splendor di Aosta. La decisione di un eventuale spostamento sarà presa la mattina stessa dell’evento e comunicata sul sito www.lovevda.it e www.musicastelle.it.

 

di Gaetano LoPresti per La Stampa

“La mia storia infinita con Torino”

Max Gazzè questa sera sul palco della Reggia di Venaria:
«E’ un castello, la mia somiglianza con Dracula mi aiuterà»
di PAOLO FERRARI per La Stampa

Max Gazzè è ospite oggi del cartellone “Sere d’Estate alla Reggia” di Venaria Reale. Il cantautore romano è preceduto sul palco alle 22 dalla giovane cantautrice torinese Levante, il biglietto costa 28 euro per il posto a sedere e 20 euro per quello in piedi.

 

Gazzè, che effetto fa suonare per la prima volta nel contesto regale di Venaria?  

“Mi fa molto piacere, avverto il prestigio del contesto ma non ne ho soggezione. Sono felice di suonare alla Reggia proprio con questo gruppo e con questo spettacolo, c’è una dinamica teatrale sul palco e un quartetto d’archi che conferisce un certo tono da camera ad alcuni passaggi dello show, che in altri momenti è più rock. Suoniamo più di due ore, siamo in nove in tutto e ogni sera provo un senso di completezza”.

 

Sarà una sfida tra i suoi baffi e quelli che sfoggiavano tanti Savoia?  

“E certo, lì col baffo mi mimetizzo tra loro senza problemi. Poi in fondo la Reggia è un castello, e anche in questo caso non ho problemi: la mia somiglianza più impressionante è da sempre con le raffigurazioni iconografiche del Conte Dracula, alcune d’epoca sembrano davvero mie fotografie”.

 

Ha una scenografia forte?  

“Molto preziosa, si basa sui video realizzati da Duccio Forzano, il regista di “Che tempo che fa” e del Festival di Sanremo. Ci ha fatti conoscere Fabio Fazio e siamo subito entrati in sintonia. Ha firmato lui anche il nuovo videoclip che è uscito da pochi giorni, quello della canzone “I tuoi maledettissimi impegni”.

 

In autunno compirà 15 anni “La favola di Adamo ed Eva”, il disco a cui deve molto: gli rende omaggio dal vivo?  

“Sempre, perché fu decisivo per la mia carriera e la gente continua ad amare le canzoni di allora. Penso a “Cara Valentina”, “Vento d’estate” e soprattutto a “La favola di Adamo ed Eva”, tuttora il pezzo che forse più mi rappresenta presso il grande pubblico”.

 

Prosegue così anche il suo flirt con Torino?  

“Una storia infinita, dai tempi in cui passavo un sacco di tempo a Casasonica con Boosta, Samuel e gli altri. E poi le seratine da Giancarlo, con il panino delle 4 del mattino. Ci sono città in cui mi sento particolarmente a mio agio, e Torino è in cima alla classifica. Vorrei sempre fermar mici qualche giorno, ma in tour il tempo è tiranno”.

 

Nel 2010 suonò alla “Woodstock 5 Stelle” di Beppe Grillo: lo rifarebbe?  

“Perché no, a me interessa soprattutto l’aspetto Woodstock della faccenda. Ci sono colleghi che parlano di politica anche ai concerti, e non è il mio caso. È ovvio che appartengo alla galassia di sinistra, direi che per la mia formazione europea mi considero un laburista. Non suonerei a una festa di Alleanza Nazionale, per dire, perché non sarebbe una scelta coerente; ma se ho nostalgia delle vecchie Feste de l’Unità non è perché mi manca un partito, bensì perché erano dei bei posti per fare musica. Coi 5 Stelle quindi suonerei di nuovo, se fosse un bel festival aperto a tutti”.

 

Reggia di Venaria Reale

Corte d’Onore

Tel: 011 / 499.23.33